HOME News Solidarietà

Donato un ecografo per la pediatria dell’Ospedale di Treviglio

L’Accademia dello Sport per la Solidarietà prosegue la missione al fianco della sua gente. Dopo la vicinanza al popolo bergamasco con una raccolta fondi che ha passato il milione di euro in piena emergenza Covid-19, la nostra associazione ha donato un ecografo del valore di 40mila euro già pochi giorni prima del lockdown, uno strumento già utilizzato per diagnosi accurate sui piccoli pazienti.

Grazie alla donazione da parte dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo, in questi mesi di piena emergenza l’Asst Bergamo Ovest ha potuto contare su un ecografo di ultima generazione per il reparto di Pediatria.

“Conosco da tempo l’attività dell’Accademia, sempre vicina alle esigenze del territorio bergamasco e mi ha fatto molto piacere quando il Direttore della Pediatria Paolo Menghini mi ha informato che quest’anno il loro sguardo si sarebbe rivolto anche un po’ al di fuori del loro abituale bacino, verso l’ASST Bergamo Ovest spiega il direttore generale Peter Assembergs -. Mentre ci accingevamo a coronare con la serata la PalaCreberg la donazione, è arrivata l’emergenza per la pandemia da Covid-19. Invece di annullare tutto, l’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo ha rinforzato ulteriormente il suo supporto e, grazie all’instancabile lavoro di Giovanni Licini e la generosità dei soci ed amici dell’Accademia, nelle scorse settimane, sono state donate altre indispensabili apparecchiature alle strutture sanitarie così duramente colpire dalla pandemia. L’ecografo è giunto pochi giorni prima del lockdown e abbiamo potuto utilizzarlo già in questi mesi per diagnosi e screening sempre più accurati sui bimbi ricoverati e sui neonati venuti al mondo nel nostro Ospedale in questo periodo così strano”.

Una scelta di cui va particolarmente orgogliosa anche l’Accademia: “In questi mesi ci siamo impegnati, e continuiamo a farlo ogni giorno, per combattere l’emergenza Coronavirus – racconta Giovanni Licini – Ma siamo abituati anche a pensare al futuro, per il bene del nostro territorio, e questa donazione, la prima a favore dell’Asst Bergamo Ovest, si inserisce proprio in questa visione a lungo termine. Un segnale di speranza e ripartenza delle normali attività sanitarie ed era doveroso rivolgere la nostra attenzione verso una struttura che ricopre un importantissimo presidio sanitario nella Bassa bergamasca”.

A beneficiare della donazione, come detto, è soprattutto il reparto di Pediatria, diretto da Paolo Menghini: “A nome mio e dei miei collaboratori ringraziamo l’Accademia per la bellissima sorpresa. Ci servirà soprattutto per lo studio degli organi e degli apparati in bimbi in età neonatale e pediatrica. Grazie a questo macchinario saremo in grado di svolgere esami più approfonditi nei nostri laboratori e a servizio di tutta la Asst di Treviglio”.

Anche l’amministrazione comunale di Treviglio, per bocca del vicesindaco Pinuccia Zoccoli Prandina, ha voluto esprimere la propria gratitudine all’Accademia, per essere stata “così sensibile in questa emergenza offrendo aiuti concreti sotto forma di apparecchiature e strumentazioni innovative. A Treviglio la donazione di un ecografo di ultima generazione per la Pediatria permetterà diagnosi sempre più accurate sui piccoli pazienti. Come amministratore pubblico plaudo all’intesta pubblico-privato e alla collaborazione con persone così illuminate come Giovanni Licini”.

Sull’impegno di tutta l’associazione ha voluto chiosare ancora il dottor Assembergs: “In questi mesi ha fatto qualcosa di indescrivibile in aiuto alla sanità bergamasca: durante l’emergenza Covid-19, attraverso la rete di conoscenze e la fiducia degli imprenditori del territorio, ha raccolto più di un milione di euro, tutti devoluti agli ospedali bergamaschi. Il nostro auspicio è che il virus scompaia presto e che a tutti noi sarà così permesso di ritrovarci ad una partita di tennis o ad affollare un teatro per raccogliere altri fondi per le prossime vostre ‘battaglie’ sociali”.