Chi siamo

PER PASSIONE E PER MISSIONE

Quando ricomincia l’avventura del Tennis Vip, che mi coinvolge direttamente per la preparazione del libro e di ogni altro materiale necessario, dai manifesti alle pagine dei quotidiani che ne sintetizzano gli eventi sia sportivi sia delle premiazioni e della solidarietà, ogni anno non posso fare a meno di pensare alle fiabe che mi affascinavano da bambino. Ad ogni passo si deve compiere l’impossibile, superare ogni paura, dimenticare tutti i propri limiti fino a raggiungere l’epilogo, quando tutti gli ostacoli superati si trasformano in talismani. Il principe e la principessa, altro non raffiguravano che la persona capace di scelta o la persona prescelta dal destino. Mai lasciarsi prendere dalla stanchezza, dalla tentazione di voltarsi indietro, di contentarsi del cammino compiuto. La bella lezione delle fiabe è la vittoria sulla legge di necessità. Così conservo ancora il mio vecchio gran libro Nuove novelle di Andersen (Hoepli), con la copertina cartonata color carta da zucchero e una illustrazione bellissima, che richiama alcuni titoli delle fiabe: La regina delle nevi, Le soprascarpe della felicità, Il giardino del paradiso, La figlia del re della palude, Lo scellino d’argento… e così via.

Questo fiabesco misurarsi con l’impossibile, è lo spirito e il carattere del Tennis Vip, fatto proprio dal suo “principe”, Giovanni Licini, capace di irradiarlo su tutti i compagni d’avventura, o di fiaba, se vogliamo stare alla nostra similitudine.

Quest’anno come continua la fiaba? Come trasformare gli ostacoli in talismani? Come misurarsi con l’impossibile? Primo ponendosi un traguardo. E il traguardo principale è non venir meno alla solidarietà, obiettivo tanto più necessario in questo tempo di grande complessità e cambiamenti economici. Lavorare per passione e per missione è il nuovo motto di Licini. La “missione” dà un senso nuovo al Vip, dà nuova linfa ed entusiasmo ai collaboratori, agli amici che partecipano al Torneo e agli amici sponsor. A sua volta Licini riceve da loro linfa ed entusiasmo moltiplicati, in un circolo virtuoso che è di buon auspicio per gli anni futuri.

Per venire più direttamente al lavoro di redazione del libro, c’è stato un maggior impegno per fare una sintesi delle varie annate del Vip, riuscendo a ridurre il numero di pagine (e quindi i costi), senza ridurre la completezza e l’intensità del libro, nel quale ognuno potrà riconoscersi come parte viva e importante della “fiaba”. Vorrei anche aggiungere che, a lavoro quasi terminato, mi pare che si sia guadagnato in maneggevolezza, fluidità e nei profili dei “Golden vip”, personaggi per tanti versi esemplari. Le loro storie nei vari libri del Vip, diventano un interessante libro nei libri, quasi sempre con forti accenti etici. Ogni personaggio che Licini “scopre” gli dà una meravigliosa scarica di adrenalina. E non mi riferisco solo ai personaggi più noti, ma anche alla piccola suor Rosalina che lavora per il recupero dei giovani dalla tossicodipendenza, alcool, dipendenze da psicofarmaci, anoressia, gioco, bulimia, tenendo ad esempio la carità e l’umiltà di Madre Teresa di Calcutta.

PAOLO COLOMBO