News

Michela Moioli “Sempre al fianco dell’Accademia. Adesso è ora di tornare a vincere”

I campioni dello sci sui campi del Mongodi: Moioli, Pisoni, Azzola e Pasini a Cividino

Sono arrivati gli sciatori nella serata di lunedì, proprio nella serata più uggiosa di questa prima parte di manifestazione. Non hanno portato la neve, ma il clima era adatto a ricevere i campioni del freddo, a partire dalla campionessa olimpica dello snowboard Michela Moioli, Golden Vip per lo sport 2018. L’alzanese è scesa in campo sui terreni interni del centro Mongodi di Cividino insieme al suo maestro Cesare Pisoni e sogna una nuova stagione di trionfi dopo i podi della passata annata. “Ogni anno è sempre bello tornare qua a sostegno della Solidarietà nella mia Bergamo -sono le parole della campionessa-. Non sono una gran giocatrice, cerco di fare del mio meglio, naturalmente mi servirà per tenermi in forma: a giugno inizia la preparazione sullo Stelvio. Naturalmente bisogna tornare a vincere, quest’anno sono stata soddisfatta, ma la vittoria mi è mancata e deve tornare. Olimpiadi? Adesso non ci penso, un passo alla volta”. Il bilancio Mondiale l’ha tracciato il suo tecnico, soddisfatto delle prestazioni dei suoi ragazzi. “Chiaro che nell’anno del Mondiale l’obiettivo fossero le medaglie: ne abbiamo conquistate quattro, una di bronzo proprio con Michela, un numero record e quindi obiettivo centrato. Nel complesso è stata una buona annata, anche se avremmo voluto confermarci in Coppa del Mondo. Durante l’anno abbiamo programmato tanto il Mondiale, aumentando anche il numero di atleti nelle squadre per provare a trovare altri potenziali campioncini. E abbiamo trovato Daniele Bagozza, che ha vinto sulla pista olimpica, e Francesca Gallina che ha centrato due quarti posti. A mio avviso a Pechino 2022 possono togliersi delle soddisfazioni. A livello bergamasco c’è una ragazza che sta crescendo bene alle spalle di Michela Moioli: è Marika Savoldelli, figlia del ‘Falco’”. Da Albino arriva invece Michela Azzola che sogna un inverno diverso dopo una sola presenza in Coppa del Mondo. “Quest’anno è andato male, nonostante sia riuscita a lasciarmi alle spalle gli infortuni non ho sciato bene. Il pensiero è già alla prossima, nella quale spero di fare meglio e lavorerò per farlo: questo è il mio unico obiettivo al momento. Pechino 2022? Al momento è lontano, troppo presto per pensarci”. Sul suo rapporto con il tennis: “Mi piace molto come sport, anche da vedere in tv. Domenica ho visto la finale di Roma tra Djokovic e Nadal. Sul campo sono un po’ scarsa (ride ndr) ma siamo qui per un altro motivo”. Dall’alta Valle Seriana è il momento di Fabio Pasini, anche skyrunner e a segno nella 1° edizione della Val del Riso Trail, una carriera alle spalle nello sci di fondo, ora tecnico dopo essersi ritirato da un anno dall’agonistica. “Il cambiamento c’è stato, siamo un bel gruppo e i ragazzi vanno bene: ho fatto lo skiman ai Mondiali con la Nazionale A di fondo, una grande esperienza, poi quando sono a casa non mi faccio mancare niente, tra sci alpinismo e corse. Abbiamo Pellegrino e De Fabiani nel fondo che tirano il gruppo, piano piano bisogna crescere, c’è qualità tra i giovani, anche se non è facile. Qua non manco mai, per la Solidarietà e l’Accademia, adesso speriamo nel bel tempo per questa manifestazione”. Proseguirà con grandi nomi il Tennis 2019: per martedì 20 maggio si torna al calcio, sprazzi d’azzurro nel cielo di Cividino. Su tutti il campione del Mondo 2006 Simone Barone e Massimo Carrera, insieme a tanti calciatori tra anni 90 e 2000 come Riccardo Maspero, Luca Fusi, Daniele Fortunato, Maurizio Neri, Roberto Bosco, Iva Del Prato e l’ex ciclista, “El Diablo” Claudio Chiappucci.