News

L’Accademia all’hub vaccinale di Chiuduno: 30 volontari pronti a prendere servizio

Pronti per una nuova avventura al fianco del personale dell’Asst Bergamo Est nell’ hub vaccinale di Chiuduno. I volontari dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà sono stati ospiti nel polo fieristico protagonista della campagna vaccinale che sta coinvolgendo gli Over 80 e le persone dei paesi del bergamasco da più tempo in zona “arancione rinforzata”, quelli vicino al lago d’Iseo.

La macchina organizzativa nell’impianto chiudunese sta ingranando sempre di più e 30 volontari dell’Accademia saranno presenti due giorni alla settimana dalle 8 alle 20, impegnati in diverse fasi dal parcheggio fino all’ultimo atto, l’attesa di un quarto d’ora per gli utenti dopo il vaccino. Giovanni Licini e i collaboratori sono stati accolti all’ingresso della struttura dal direttore generale dell’Asst Bergamo Est Francesco Locati e dalle sue collaboratrici.

“Ancora una volta l’Accademia ha risposto presente a supporto di un’iniziativa fondamentale per il territorio –spiega Locati-. Il 2020 è stato un anno difficile, nel quale Licini e tutti i suoi sostenitori non ci hanno fatto mancare il loro aiuto nei mesi più duri della pandemia. Il noleggio della tac mobile, l’impianto dell’ossigeno, l’aiuto al laboratorio di Calcinate e ora un supporto concreto dei volontari che sanno sempre mettersi in gioco: il nostro grazie va a voi, perché ancora una volta dimostrate con i fatti il vostro sostegno ai bergamaschi. La macchina organizzativa è rodata e sta entrando nel vivo per rispondere alle richieste e ci aspettano mesi di grande attività: siamo in una struttura di 3800 mq che a regime ci permetterà di arrivare ad un massimo di 2500 vaccini giornalieri su 22 linee vaccinali”.

I volontari dell’Accademia hanno seguito con attenzione tutte le indicazioni delle dirigenti presenti nella struttura, pronti ad iniziare la lori attività al servizio degli utenti che arriveranno a Chiuduno. “Il lavoro dei volontari è fondamentale –spiega Adriana Alborghetti, direttore DPSS Asst Bergamo est-. Per noi significa avere un supporto indispensabile concentrando il nostro personale su tutta la fase fondamentale della somministrazione dei vaccini. La gente è contenta, capisce cosa deve fare e segue con precisione le regole”. “In questa struttura arriviamo ad avere operative un massimo di 75 persone -spiega Milena Mauri, responsabile area programmazione-controllo Asst Bergamo Est-. Bisogna sapere adattare il personale alle esigenze che riscontriamo di giorno in giorno: il trend ora è in crescita con sempre più vaccini in arrivo, abbiamo a disposizione 22 linee e 18 box medici”. Il saluto finale è quello di Giovanni Licini, deus ex machina dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà: l’associazione bergamasca ha contributo anche per la realizzazione dell’ hub vaccinale che aprirà a Clusone, sempre su iniziativa dell’Asst Bergamo Est, negli spazi offerti gratuitamente dalle suore dell’Istituto Figlie della Sapienza di via Trieste 12-14. L’allestimento degli spazi in Valle Seriana è stato realizzato grazie all’ampia disponibilità di Marzio Carrara, patron della Cpz di Costa di Mezzate, che ha messo a disposizione arredi e attrezzature particolari.

“Saremo sempre presenti ad ogni vostra chiamata –spiega Licini ai dirigenti dell’Asst Bergamo Est-. I ricordi di un anno fa sono ancora impressi nella nostra mente: abbiamo sentito l’esigenza di aiutare la nostra popolazione e continueremo a farlo anche quest’anno. Contiamo di raccogliere altri fondi dalle 6 gare di golf che organizzeremo da aprile a settembre: tutto il ricavato verrà devoluto per le attività di assistenza del territorio, finanziando i progetti più urgenti”.

Read more

Accademia a supporto dell’Hub vaccinale di Chiuduno e Clusone con i suoi volontari

“Quando ci sono necessità e urgenza l’Accademia dello Sport per la Solidarietà risponde sempre presente”: lo dice con orgoglio Giovanni Licini, anima dell’Accademia che negli ultimi giorni si è fatta avanti coi propri volontari per assicurare un sopporto logistico per l’hub vaccinale di Chiuduno e, notizia delle ultime ore, anche per il punto vaccini che aprirà a Clusone sempre su iniziativa dell’Asst Bergamo Est.

Le vaccinazioni si svolgeranno negli spazi offerti gratuitamente dalle suore dell’Istituto Figlie della Sapienza di via Trieste 12-14.

Spiega il direttore sanitario dell’Asst Bergamo Est Gianluca Vecchi: “Visti gli spazi e i percorsi da creare, potremo attivare fino a 5 linee vaccinali. A livello organizzativo riprodurremo quanto già fatto a Chiuduno, dove le linee sono potenzialmente 18: ci sarà un percorso iniziale di accettazione, uno spazio di attesa, uno spazio per l’anamnesi svolta dai medici e la zona di inoculazione. Un altro spazio, infine, quello in cui far sostare per 15 minuti il paziente, in attesa di capire se ha sviluppato effetti collaterali al vaccino”.

“Dopo gli sforzi profusi durante la prima ondata, siamo ancora qui pronti a fare la nostra parte per aiutare il nostro territorio – aggiunge Licini -. Merito dei nostri straordinari volontari, che hanno subito risposto all’appello mettendo a disposizione il proprio tempo, ma anche degli amici sponsor: per l’allestimento degli spazi a Clusone abbiamo trovato l’ampia disponibilità di Marzio Carrara, patron della Cpz di Costa di Mezzate, che metterà a disposizione arredi e attrezzature particolari per circa 15mila euro. Contiamo di raccogliere altri fondi dalle 6 gare di golf che organizzeremo da aprile a settembre: tutto il ricavato verrà devoluto per le attività di assistenza del territorio, finanziando i progetti più urgenti”.

L’azienda sanitaria sta accelerando i tempi per rendere disponibile lo spazio il prima possibile: “Sicuramente è una nostra priorità – conferma il dottor Vecchi – La speranza è quella di averlo entro la prima decade di marzo, non appena avremo reclutato il personale necessario. Ovviamente quello è il punto più critico, perché per rendere operativa una struttura simile ci serviranno circa una ventina di medici e altrettanti infermieri qualora dovessimo lavorare su un solo turno, con i due turni i numeri raddoppierebbero”.

Discorso differente, invece, per il personale che gestirà la logistica del punto vaccinale, dall’arrivo del paziente all’assistenza nei percorsi interni: “Da questo punto di vista abbiamo un grosso sostegno da parte dei volontari, in particolare dall’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo e dal gruppo Alpini di Celadina – spiega Vecchi – Su Chiuduno il gruppo è già stato ingaggiato, per Clusone ne serviranno altri 6-7 per ogni eventuale turno”.

Read more

Giorgetti e Garavaglia eletti Ministri: i complimenti dell’Accademia dello Sport

L’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo si complimenta con gli amici e sostenitori Giancarlo Giorgetti (Ministro dello Sviluppo Economico) e Massimo Garavaglia (Ministro del Turismo) per i prestigiosi incarichi che sono stati chiamati ad assumere nel nuovo Governo guidato da Mario Draghi.


A loro va tutto il sostegno della famiglia dell’Accademia, che in questi anni ne ha potuto ammirare le qualità umane e professionali: buon lavoro ai neo ministri!

Read more

Addio a Luigi Brignoli: da oltre 40 anni amico vero, umile e semplice

Il 2021 è iniziato con un grosso dolore per l’Accademia dello Sport per la Solidarietà. Ci ha lasciato Luigi Brignoli, 79 anni, per tutti noi l’amico “Gigino”.

E’ davvero difficile trovare le parole per salutare una persona che ci ha accompagnato per più di 40 anni. Fin dagli anni 80 partecipava ai nostri tornei di tennis, una persona umile e generosa: lo ricorderemo sempre per quel suo gesto che non ha mai fatto mancare negli anni, quando ad ogni occasione al “Tennis” portava un cesto di ciliegie per tutti i nostri collaboratori, frutto del suo lavoro nell’ ambito dell’ortofrutticola.

Prima di tutto era un amico di ognuno di noi: si faceva amare con il suo modo umile e semplice; aveva una buona parola per tutti, riuscendo a sminuire nelle serate in allegria i veri problemi della vita.

Ha partecipato a tante edizioni del nostro torneo, amando il tennis, la scopa e le bocce. In occasione delle cene nel magazzino dell’Accademia non si presentava mai a mani vuote, ma con un cesto di frutta che dava quel tocco in più ai nostri incontri in amicizia.

Ad ogni evento era sempre presente e cordiale con tutti, con i collaboratori, con i giocatori e gli sponsor. Un male fulmineo e improvviso lo ha strappato alla sua famiglia proprio in questi ultimi giorni di festa.

Ci mancherà tantissimo: l’Accademia dello Sport per la Solidarietà porge alla famiglia di Gigino le sue più sentite le condoglianze. I funerali saranno celebrati martedì 5 gennaio alle 15 alla Chiesa di Negrone di Scanzorosciate.

Read more

Il Santo Natale firmato Accademia insieme agli amici di sempre

Ci è mancata la festa di Natale, il contatto con tanti amici, l’occasione per vederci e fare il punto di fine anno nell’incantevole scenario del Castello della Marigolda. Il 2020 lo ricorderemo per sempre, ma nonostante tutte le problematiche del momento, in una cornice diversa l’Accademia dello Sport per la Solidarietà si è ritrovata per augurarsi con il giusto distanziamento Buon Natale.

Nella Chiesa di Santa Rita in via Locatelli 6 a Bergamo è stata celebrata da da Monsignor Giulio Della Vite, segretario generale della Curia Bergamasca e grande amico dell’Accademia la Santa Messa Natalizia: insieme al Consiglio direttivo dell’Accademia erano presenti sponsor e sostenitori, il direttore generale dell’Asst Bergamo Est Francesco Locati, i politici Maria Alessandra Gallone, Simona Pergreffi e Daniele Belotti.

Don Giulio ha messo in evidenza il ruolo dell’Accademia nei momenti difficili di questa annata e nella volontà ad aiutare il prossimo, fondamentale nel dare nuova luce al popolo bergamasco in quelle terribili settimane, nella Santa Messa accompagnata dalle note al piano di Emilio Pedretti insieme ai suoi musici, Beatrice Pedretti al canto e Gaia Gualandris al violino.

All’entrata della Chiesa era visibile il nuovo pulmino con i volontari dei City Angels di Bergamo, per l’acquisto del quale l’Accademia ha partecipato con una donazione di 5mila euro.

La gallery della festa natalizia

https://www.sportesolidarieta.it/gallery-solidarieta/nggallery/galleries/la-santa-messa-natalizia-2020

Read more

Benemerenza della Città di Bergamo all’Accademia dello Sport per la Solidarietà

Un altro grande traguardo nel nome della Solidarietà. Il Comune di Bergamo ha annunciato ufficialmente le benemerenze cittadine di questo 2020 così particolare e ha voluto premiare l’Accademia dello Sport per la Solidarietà per il grande impegno a favore dei bergamaschi nei mesi più duri della pandemia e per tutto il lavoro svolto negli ultimi decenni con la raccolta di ben 1 milione e 540 mila euro solo negli ultimi 14 anni.


In poche settimane Giovanni Licini, deus ex machina dell’associazione impegnata da decenni nell’aiuto al prossimo, ha lavorato insieme ai suoi collaboratori, raccogliendo l’adesione di tantissimi amici, imprenditori, sostenitori e raccogliendo più di un milione di euro, contributi utilizzati in supporto alle strutture del territorio, come per il noleggio della tac all’Ospedale Bolognini, il contributo fondamentale per la realizzazione dell’Ospedale da campo in Fiera a Bergamo e la realizzazione di tutto l’impianto per l’ossigeno, l’ assistenza agli operatori con l’acquisto di strumenti come ecografi e mascherine

La benemerenza cittadina è solo l’ultima di una lunga serie di riconoscimenti in questo 2020 che dà una spinta ulteriore all’Accademia e ai suoi volontari a proseguire l’attività nel segno della Solidarietà ed in attesa di ritrovarsi per gli eventi sportivi che da sempre caratterizzano il mondo associativo .
«Questo riconoscimento premia il lavoro di tante persone e un’idea di solidarietà che punta a sostenere i progetti – ha commentato Giovanni Licini-. E’ il frutto del lavoro di tutto il gruppo, la passione e il coraggio che ci hanno spinto in quelle settimane ad abbattere tutti i muri possibili per aiutare il popolo bergamasco segnato dalla pandemia, ma è anche il giusto premio per un impegno che prosegue da tanti anni”.
Nel mese di settembre sono arrivate le benemerenze del Comune di Scanzorosciate e della Provincia di Bergamo e poche settimane fa Regione Lombardia ha deciso di assegnare un riconoscimento a Giovanni Licini, anima e motore dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo, la “Rosa Camuna 2020”, per riconoscere pubblicamente l’impegno, l’operosità, la creatività e l’ingegno di coloro che si siano particolarmente distinti nel contribuire allo sviluppo economico, sociale, culturale e sportivo della Lombardia.
L’ultima donazione in ordine di tempo è stata quella che ha aiutato i City Angels, un sostegno di 5 mila euro per l’acquisto di un nuovo pulmino per il gruppo di volontari di strada d’emergenza. E proprio alle porte del Natale il gruppo dell’Accademia dello Sport potrà vedere da vicino il risultato di questa donazione.
Una delegazione sarà presente sabato 19 Dicembre alle 18.30 alla Chiesa di Santa Rita in via Locatelli 6 a Bergamo per la Santa Messa Natalizia celebrata da Monsignor Giulio Della Vite, segretario generale della Curia Bergamasca e grande amico dell’Accademia; all’entrata della Chiesa sarà visibile il nuovo pulmino con i volontari dei City Angels bergamaschi.

Read more

L’ultimo saluto a Giancarlo Mangili, Golden Vip 2003

Ci ha lasciato Giancarlo Mangili, amico dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà per tanti anni. Nel 2003 fu premiato con il “Golden Vip”, per aver portato con il suo club “Goggi” il grande sci bergamasco nel mondo, legato ai ricordi della valanga azzurra. Nell’occasione della consegna del Golden Vip (nella foto con gli indimenticati Gianni e Luciana Radici) lo considerò come un premio alla carriera e oggi lo piangiamo noi come tutto il mondo dello sci.

Ci ha lasciato ad 88 anni: la grande famiglia dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà stringe in un abbraccio quella di Giancarlo Mangili e gli porge le sue più sentite condoglianze

Read more

Premio speciale “Rosa Camuna 2020” a Giovanni Licini. La premiazione in diretta streaming al Pirellone

Un’emozione grandissima seppur condivisa dietro uno schermo e l’orgoglio di vedere affiancato il nome di Giovanni Licini e dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà a pezzi da novanta nel contesto lombardo. A fianco di Atalanta, Carla Fracci e Felice Gimondi, solo per citarne alcuni, c’è anche quello di Licini e dell’associazione bergamasca, a cui è andato un riconoscimento speciale nel giorno della premiazione per la “Rosa Camuna 2020”, avvenuto nella sede consiliare di Regione Lombardia.

L’iniziativa di quest’anno cade nel 50esimo anniversario di istituzione della Regione, che ogni anno premia nell’ambito della Rosa Camuna “l’impegno, l’operosità, la creatività e l’ingegno di coloro che si sono particolarmente distinti nel contribuire allo sviluppo economico, sociale, culturale e sportivo della Lombardia”. I vincitori non hanno potuto partecipare di persona alla premiazione e hanno potuto assistere solo alla diretta streaming a causa delle normative anti-Covid 19.
“E’ una premiazione che ci permette di rendere omaggio a tutti i lombardi -sono le parole del Presidente della Regione Attilio Fontana-, persone che lavorano ed operano per il bene della nostra comunità. Questa pandemia è stata una battuta d’arresto nella nostra crescita, ma non ci ha bloccato, sono convinto che i nostri cittadini abbiano voglia di riemergere. I premiati hanno dimostrato cosa significa essere lombardi”.

Il nome di Giovanni Licini è stato scelto proprio per quanto fatto in questi decenni per la solidarietà e premiato con un ricucimento particolare in occasione del grande traguardo di Regione Lombardia, insieme all’Atalanta, al primo presidente della Regione Lombardia Piero Bassetti, alla ballerina Carla Fracci, allo scenografo Ezio Frigerio e a Felice Gimondi alla memoria, oltre alla menzione per l’altra bergamasca Michela Moioli.

“E’ un premio che rappresenta la voglia e la fiducia in un futuro pieno di normalità -ha esordito il Presidente del consiglio regionale lombardo Alessandro Fermi-. Un premio che sentiamo tutti con un sentimento maggiore proprio oggi: i lombardi hanno voglia di futuro, la speranza che ci accompagna è quella di poterci ritrovare e riabbracciare. E’ un premio che onora chi sta lavorando per fronteggiare la pandemia, alle eccellenze lombarde: la vera forza della nostra comunità è quella di mettere al centro la laboriosità, il cuore e la solidarietà, un patrimonio che non può essere messo in discussione”.

Nonostante tutto quello che è successo in questo 2020 Regione Lombardia non ha voluto annullare o rimandare i premi, anzi, ha proseguito sulla strada della continuità proprio per ricordare le eccellenze che si sono distinte in queste emergenza, come l’Accademia dello Sport della Solidarietà, che attraverso i tanti imprenditori al suo fianco e all’inesauribile apporto di Giovanni Licini e del suo staff ha raccolto più di un milione di euro, trasformando in realtà i bisogni delle strutture bergamasche in piena pandemia.
“E’ una soddisfazione immensa essere premiato insieme all’Atalanta e ad altri nomi che hanno fatto la storia -spiega Licini-. Viene premiato il mio lavoro, ma il risultato è frutto di tutti, degli imprenditori che ci hanno sempre sostenuto, senza dimenticare che il territorio bergamasco è sempre fertile per la beneficienza. La soddisfazione è stata enorme, avrei preferito esserci ma in questo momento di difficoltà è giusto così: grazie a Regione Lombardia che ha scelto di confermare il premio dedicandolo a tante persone che hanno davvero portato in alto il suo nome ed essere tra quelli ci riempie tutti di orgoglio”

Read more