Blog

VIP DA OSCAR CON DAMIANI E MAGONI, DOMANI SIPARIO ALLA FIERA

Che razza di Mago è l’Oscar?, sembrava chiedersi Emiliano Mondonico seduto in tribuna col resto della platea. Mondo e Mago. Emiliano è la guest start dell’ultima serata del Vip a Cividino, Magoni è l’one man-show della notte finale, che per Magoni vale doppio: la finale del singolo e la finale del doppio. “Magari poi le perdo tutte e due”, diceva con l’aria più furba che convinta quel furbacchione di Oscar Magoni senza aspettare neanche la risposta. Bluff o scaramanzia, l’effetto è lo stesso: la notte del Mago è una notte da Oscar. Magoni l’acchiappa battendo Ciro Bresciani nella finale della prima Coppa Accademia dello Sport per la Solidarietà, il singolare doc creato dall’Accademia all’uopo per classificati e che Mago si mette nel cilindro dopo aver sofferto nel primo set, inchiodato da Bresciani sul 6-6 e sotto 3-0 al tiebreak. Abbastanza per prendere a pallate l’attesa, cambiare marcia e chiudere 7-5 il primo set ipotecando la corona. Alla cassa il “Mago” passa a metà del secondo set: 6- 4, “yes”, dice Mago, et voilà la Coppa Accademia è sua. Anche Mondo lo applaude. L’accademico Magoni però è umano e così nella finale di doppio del “Bortolotti” in coppia con Adam Lodovici paga pegno al duo Amedeo Amadeo-Luca Chiesa, che sprinta alla fine del primo set e poi chiude i conti nel secondo. Nella notte degli Oscar, il Vip assegna la statuetta del Trofeo Facchetti a Giuseppe Damiani detto Oscar che sguscia a Giorgio Mastropasqua per l’intero primo set, subendone il ritorno nel secondo quando Giorgione comincia ad alzare il ritmo. Ma al tie-break del terzo Damiani fa l’Oscar attaccandosi alla rete e alla fine sorride di un sorrisone gongolante ricordando “i tanti momenti passati con Giacinto”. È bastato poco invece per Enrico Agnelli, in versione leone nella finale del singolare B, “Coppa Gianni Carminati alla memoria”. Due set rapidi, 6-2, 6-1, le briciole al dottor Gianluca Cotroneo, che pure ha un muscolo in tilt. “Mi ha fatto sudare”, ha detto alla fine Agnelli ma è stata una lettera a far emozionare il dottore. È quella di Gianni Carminati, che del dottore è stato paziente, consegnata a Cotroneo a fine partita. E vale quanto un trofeo. Ciao Cividino, ma il Grande Slam della solidarietà si giocherà domani sera sul “campo centrale” della Fiera di Bergamo e sarà l’occasione per far rimbalzare alta la speranza di chi parte sempre in salita. Il Vip posa la racchetta ma si prepara a giocare l’ennesimo match del cuore.